Storie da salvare - GaggianOnline.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

Storie da salvare

Magazine

Cultura - Biblioteca
STORIE DA SALVARE - CLASSICI PER RAGAZZI
di Alessandra Gatti

23 marzo 2015

Il consigliere delegato Daniele Vecchi in collaborazione con Monica Cestari la “nostra” bibliotecaria hanno organizzato, nel mese di marzo, degli incontri di lettura animata, teatrale ed espressiva.
Il progetto, rivolto alle classi terze della scuola media, ha avuto come principale obiettivo quello di avvicinare i ragazzi alla lettura, facendo loro ricordare che leggere è soprattutto un piacere. Gli incontri tenutisi sia in classe sia in biblioteca, sono stati condotti da Micaela Buratti, la quale nasce come burattinaia e grazie a ciò si è avvicinata all’arte del raccontare, alle fiabe.
Micaela utilizza la voce come mezzo per raccontare e nello stesso tempo trasportare i ragazzi nel magico mondo del racconto.
La sua parola d’ordine è “energia”.
Energia che trasmette ai ragazzi che a sua volta da loro ne riceve. Attraverso la lettura teatrale ed espressiva ha cercato di catturare l’attenzione dei ragazzi, stimolando la loro fantasia  invitandoli ad immaginare i personaggi e gli ambienti descritti nel libro proposto: “Cyrano De Bergerac” nella versione di Benni della collana Scuola Holden. Questa scelta ha avuto come scopo quello di stimolare il piacere alla lettura dei classici.

L’iniziativa ha riscosso un grande successo sia tra i ragazzi sia tra i docenti, infatti, stanno già programmando una replica dell’iniziativa, questa volta coinvolgendo le classi prime e seconde e perché no anche le scuole elementari.

Durante la lettura Micaela si interrompeva per chiedere opinioni e commenti, i ragazzi rispondevano con prontezza ed entusiasmo persino nei punti in cui il testo da prosa si tramutava in poesia.
Prova di ciò sono gli scritti che i ragazzi alla fine del progetto hanno rivolto a Micaela:

“il libro che ci hai raccontato è stato molto bello e coinvolgente, pur avendo una storia complicata si è capita molto…”

“…questo libro insegna ad apprezzare le persone come sono interiormente, senza valutare l’aspetto esteriore…”

“…non so dirti quale parte ho preferito e quale parte ho trovato noiosa perché è stato bello dall’inizio alla fine…”

“… ti vorremmo ringraziare per la bellissima esperienza che ci hai fatto vivere. Abbiamo apprezzato molto il tuo modo di esprimerti con noi e il fatto di averci coinvolto nella storia.”

“la storia mi è piaciuta molto, ma il modo in cui l’ hai raccontata ha reso tutto più bello e coinvolgente.”

clicca sulle foto per ingrandirle

Torna ai contenuti | Torna al menu