Marco Pavesi nuovo presidente di Freccia Azzurra - GaggianOnline.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

Marco Pavesi nuovo presidente di Freccia Azzurra

Articoli

Marco Pavesi nuovo presidente di Freccia Azzurra.

6 maggio 2014

Lunedì 5 maggio Marco Pavesi è stato eletto nuovo presidente della SS Freccia Azzurra 1945.
I soci riuniti in assemblea hanno votato la loro preferenza tra Antonio Sguinzi, presidente uscente, rimasto in carica per 10 anni, e Marco Pavesi, uscito favorito con 18 voti sui 34.
Marco resterà in carica nel triennio 2014 – 2017.
Il consiglio direttivo è stato eletto all'unanimità ed è composto dai soci: Antonio Sguinzi , Baccalini Tiziano, Maioli Ottavio, Rebuzzini Daniele, Claus Paolo, Loda Danilo e Verani Paolo.

La società ringrazia il presidente uscente con un comunicato sul sito ufficiale (www.frecciazzurra.com).

"Un sincero e profondo ringraziamento al Presidente uscente  Antonio Sguinzi per il lavoro svolto in questi anni, sicuramente difficili ma soprattutto ricchi di successi e soddisfazioni per i nostri colori.
Complimenti a Marco, a cui ora spetta il gravoso ed esaltante  compito di preservare e far fruttare il patrimonio accumulato in circa 70 anni di vita della Società."

Il nuovo presidente, dalla sua pagina Facebook, ringrazia la società con una lettera aperta dalla quale traspare tutta la passione e l'orgoglio per la nuova nomina e per essere al timone di un pezzo di storia sportiva gaggianese.

"Che onore! Realizzo adesso tutto quello che è successo e che succederà!
Si è un onore perché pensare che sarò io a festeggiare i 70 anni e dico SETTANTA di storia bianco-blu mi sento veramente onorato.
La mia memoria (relativamente giovane) si ferma al 1982, quando da piccolo ho cominciato a calcare l’erba (poca) del Moschino, ma già da prima se spingo ancora più indietro i miei ricordi posso rivedere il tram parcheggiato all’entrata del campo (credo avrò avuto tre anni).
Pensare a tutte quelle foto in bianco e nero appese al bar ed in sede, tutte quelle facce che mi guarderanno da oggi in poi con quell’espressione fiera di chi ha scelto di vestire i nostri colori e chi mi diranno: “Ora tocca a te”. Pensare a chi oggi non c’è più ma ha lasciato il segno o meglio, un segno e che la somma di tutti questi segni è quello che abbiamo davanti agli occhi oggi e che mi prenderò cura di coltivare e far crescere.
Si signori, non siamo una squadretta dell’Oratorio, noi siamo molto ma molto di più, siamo qui da 70 anni abbiamo cresciuto ragazzi che oggi sono in pensione, abbiamo cresciuto ragazzi che oggi sono uomini e donne, padri e madri, ed io sono uno di loro, anzi…. uno di voi.
E allora grazie, a chi mi ha scelto e a chi non mi ha scelto, a chi faceva il tifo per me, ma anche a chi sperava in un esito diverso, a chi continuerà e a chi si fermerà, a tutti quanti hanno nel cuore una briciola di bianco blu." Marco Pavesi.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu