Assemblea pubblica gestione mense scolastiche - GaggianOnline.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

Assemblea pubblica gestione mense scolastiche

Magazine

Assemblea pubblica sulla gestione delle mense scolastiche
ESTERNALIZZARE, RIDURRE I COSTI E MANTENERE LA QUALITA'

13 febbraio 2015
Se ne parla da luglio dell'anno scorso, quando il Sindaco ha rilasciato un'intervista ad un giornale locale nella quale affermava la necessità di un cambiamento (esternalizzazione) nella gestione delle mense scolastiche, per ridurre i costi di gestione, troppo elevati a suo parere. (qui l'articolo)
Ieri sera, 12 febbraio 2015, si è svolta un'assemblea pubblica indetta dal Comune per parlare del problema e per comunicare ai cittadini le decisioni prese dall'Amministrazione in merito.
Davanti ad una (piccola) rappresentanza di cittadini (poco più di 30, tra genitori, politici e addetti ai lavori) si sono schierati il Sindaco Sergio Perfetti, l'Assessore ai servizi scolastici Lorenzo Zacchetti, l’Assessore al bilancio Massimiliano Allievi e la Consigliera delegata Lida Follari.
Prima di scrivere che cosa è stato deciso, cerchiamo di capire qual è la situazione attuale.

Ad oggi i centri di cottura pasti sono i seguenti:
Scuole medie: centro di cottura e somministrazione pasti (2 turni di mensa). Cuoche della cooperativa.
Scuole elementari: centro di cottura e somministrazione pasti (2 turni di mensa). Cuoche dipendenti comunali.
Scuole materne: centri di cottura interni gestiti dalla Cooperativa Stripes (che ha in gestione le scuole Materne)
Asilo nido: centro di cottura e somministrazione pasti. Cuoca comunale
Centro anziani: centro di cottura e somministrazione pasti gestito dalla cooperativa “Nuova Assistenza”

Durante l'assemblea, il Sindaco ha comunicato ai presenti che verrà creato un centro di cottura unico presso la mensa delle scuole medie, centro che produrrà i pasti per i ragazzi del proprio istituto e per i bambini delle scuole elementari, unificando così i precedenti due centri.
La mensa verrà ristrutturata ed ampliata, investendo nel progetto 250.000 euro, mentre la gestione sarà affidata ad un'azienda esterna, scelta con un bando pubblico ancora da istituire. Le cuoche dipendenti comunali che non cucineranno più nelle cucine delle elementari verranno ricollocate presso l'azienda che si aggiudicherà l'appalto. Rimarrà, inoltre, la tecnologa interna, figura professionale che ha (e avrà) il compito di controllare la provenienza e la qualità dei prodotti somministrati ai ragazzi.
Per quanto riguarda gli aspetti tecnici, l'Assessore Zacchetti ha informato che l'Amministrazione sta lavorando alla stesura del capitolato per la gara, assicurando i presenti che verrà mostrato ai cittadini durante un'altra assemblea pubblica che sarà, allo scopo, istituita.
Un altro aspetto, esposto durante la serata, riguarda il costo dei pasti, che subirà una variazione dovuta all'introduzione delle fasce ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente), sistema che dovrebbe tenere in considerazione il reddito delle famiglie, sempre che, come ha obiettato un cittadino presente, non si faccia la fascia “18.000 in su” che poco servirebbe al calcolo effettivo delle possibilità delle famiglie.
Gli altri centri di cottura rimarrano invariati nella gestione, almeno fino a che non si andrà a regime con il nuovo sistema di gestione delle scuole medie.

clicca sulle foto per vederle ingrandite

Torna ai contenuti | Torna al menu